CONCILIAZIONE

Diritti e consumo

 

La Lega Consumatori offre un supporto in tutte le piccole o grandi controversie quotidiane relativamente alle questioni:

CASA E CONDOMINIO (affitti, compravendite, controversie condominiali….)

COMMERCIO (non conformità del bene venduto, clausole vessatorie…)

SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (investimenti, prestiti illegittimi, credito, mutui, bond di varia natura….)

LAVORO E FISCO (contratti di lavoro, dimissioni…)

ASSICURAZIONI (procedura di conciliazione, consulenza e assistenza sui sinistri, infortuni, polizze di ogni genere…)

 

 

CREMONA

cremona@legaconsumatori.it

www.legaconsumatori.it

Via Cardinal G. Massaia, 22

 

CREMA

0373250064

crema@legaconsumatori.it

www.legaconsumatori.it

Piazza Carlo Manziana, 17

La nomina di un amministratore di sostegno

Famiglia · Diritti e consumo

L’amministratore di sostegno è quella figura istituita dalla legge 9 gennaio 2004 n6, prevista per le persone che, per effetto di un’infermità o di una menomazione fisica o psichica, si trovano nell‘impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere autonomamente a soddisfare i propri interessi.

 

L’amministratore di sostegno si occupa di affiancare il beneficiario nel compimento di alcuni atti, che potranno riguardare i due seguenti ambiti (alternativamente o congiuntamente):

  • la cura della persona, della sua salute (eventuali scelte sanitarie, rapporti con il personale medico, etc.) e la gestione degli aspetti relazionali e sociali (scelta del luogo dove vivere, avvio di un percorso di psicoterapia, etc.);
  • la cura del patrimonio, riferita alla gestione reddituale e patrimoniale del beneficiario (amministrazione di beni mobili o di beni immobili), volta alla conservazione delle risorse finanziarie e al soddisfacimento delle necessità ordinarie e straordinarie del medesimo.

 

Possono richiedere la nomina di un amministratore di sostegno lo stesso beneficiario e i seguenti soggetti:

  • il coniuge o il convivente;
  • i parenti entro il quarto grado o gli affini entro il secondo grado;
  • il tutore o il curatore;
  • il pubblico ministero;
  • i responsabili dei servizi sanitari e sociali

 

Per richiedere un amministratore di sostegno è necessario presentare un ricorso presso la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione del Tribunale competente.