Le ACLI, a Cremona, sono impegnate nell’ambito della spiritualità e in quello della formazione culturale sociale economica e politica.
Affrontano le questioni del lavoro, dell’immigrazione, del dialogo interculturale e religioso, della sostenibilità economica sociale e ambientale, della non-violenza e della pace.
Seguendo le linee e gli orientamenti della Laudato Si’, promuovono una visione di futuro che non disgiunga il grido della terra da quello dei poveri. Per questo sostengono la riconversione ecologica dell’economia, come via che può preservare la vita del pianeta, quella delle future generazioni e insieme contenere la crescita delle disuguaglianze e della povertà.
La presenza Acli nel sociale punta a mettere al centro i bisogni delle persone, specialmente le più svantaggiate, attraverso i propri servizi e le realtà del sistema che sanno creare una rete di accompagnamento e di tutela per i lavoratori, le famiglie e per le vecchie e nuove povertà.
I circoli, le diverse associazioni specifiche e le attività pubbliche delle Acli, cercano di far crescere nelle comunità il senso dell’impegno responsabile e della cittadinanza attiva per il bene comune insieme alla passione di lavorare per un mondo diverso. Pur dentro i grandi cambiamenti epocali del momento presente, le Acli cercano di aiutare a discernere nei ”segni dei tempi” le tracce della Salvezza che opera nella storia e che può aprire nuovi cammini di giustizia e fraternità dal locale al globale.